.
Annunci online

 
iluminandomiparte 
El mundo está oscuro, ilumina tu parte
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Afterhours
el cuentacuentos
el niño de las pinturas
el teatro por las calles
gli amici di Leonardo
mi bichito Chiaruzza
  cerca


Lorenzo Jovanotti - Marco Polo











No te quedes inmóvil
al borde del camino
no congeles el júbilo
no quieras con desgana
no te salves ahora
ni nunca
            no te salves
no te llenes de calma

no reserves del mundo
sólo un rincón tranquilo
no dejes caer los párpados
pesados como juicios

no te quedes sin labios
no te duermas sin sueño
no te pienses sin sangre
no te juzgues sin tiempo

pero si
            pese a todo
no puedes evitarlo
y congelas el júbilo
y quieres con desgana

y te salvas ahora
y te llenas de calma
y reservas del mundo
sólo un rincón tranquilo
y dejas caer los párpados
pesados como juicios
y te secas sin labios
y te duermes sin sueño
y te piensas sin sangre
y te juzgas sin tiempo
y te quedas inmóvil
al borde del camino
y te salvas
            entonces
no te quedes conmigo

(No te salves - Mario Benedetti)






Esta carta no es de amor...
Es de amar...




1° anno di vita, 11-02-1982



il nido...



le mie radici...


astrologia celtica
caduta dall'albero del *Cedro, la Fiducia*:
Persona di una bellezza strana, sa adattarsi, ama il lusso,
di buona salute, è una persona per niente timida,
sicura di sé, con determinazione, ma impaziente,
gli piace impressionare gli altri, di molti talenti, industriosa,
salubremente ottimista, in attesa dell'unico e vero amore,
capace di prendere rapidamente decisioni


il mio sole
Granada, 05-05-05 ore 5:00 pm


Granada12
Granada - Albayzín


Chi ha contemplato una volta
con i propri occhi la bellezza della natura
non è destinato alla morte come pensa Platen,
bensì alla natura stessa,
di cui ha intravisto le meraviglie.
E se ha davvero degli occhi per vedere,
costui diverrà inevitabilmente un naturalista.

Konrad Lorenz




www.flickr.com
This is a Flickr badge showing public photos from enmisojos. Make your own badge here.



Locations of visitors to this page






 

Diario |
 
Diario
80881visite.

11 ottobre 2012

la varie facce del dolore

il male che le cresce silenzioso dentro
il sangue del suo sangue sputato fuori dal suo corpo come fosse veleno
la percezione del dolore altrui come fosse il mio stomaco
i rumori sordi intorno a me
il suo corpo sterile
i rimorsi e i rimpianti
l'unico per sempre che esiste
il sepolcro di una madre
la pelle insensibile
l'aggressività gratuita
la fame
il cibo che spegne i rumori
il corpo che-porca-puttana-cambia
sentirsi malati

oggi scelgo, scelgo di voltarvi le spalle...perchè ho bisogno di sole

...alla fine c'è poco da fare, è sempre la tristezza che trasforma i pensieri in parole

oppure si cresce


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dolore

permalink | inviato da iluminandomiparte il 11/10/2012 alle 17:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

11 ottobre 2011

?

chi sono dopo tanto tempo via da "qui"?




permalink | inviato da iluminandomiparte il 11/10/2011 alle 20:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

7 aprile 2010

recuerdo




Me levanto temprano, moribundo.
Perezoso resucito, bienvenido al mundo.
Con noticias asesinas me tomo el desayuno.

Camino del trabajo, en el metro,
aburrido vigilo las caras de los viajeros,
compañeros en la rutina y en los bostezos.

Y en el asiento de enfrente,
un rostro de repente,
claro ilumina el vagón.

Esos gestos traen recuerdos
de otros paisajes, otros tiempos,

en los que una suerte mejor me conoció.

No me atrevo a decir nada, no estoy seguro,
aunque esos ojos, sin duda, son los suyos,
más cargados de nostalgia, quizás más oscuros.

Pero creo que eres tú y estás casi igual,
tan hermosa como entonces, quizás más.
Sigues pareciendo la chica más triste de la ciudad.

Cuánto tiempo ha pasado desde los primeros errores,
del interrogante en tu mirada.
La ciudad gritaba y maldecía nuestros nombres,
jóvenes promesas, no, no teníamos nada.

Dejando en los portales los ecos de tus susurros,
buscando cualquier rincón sin luz.
"Agárrate de mi mano, que tengo miedo del futuro",
y detrás de cada huida estabas tú, estabas tú.

En las noches vacías en que regreso
solo y malherido, todavía me arrepiento
de haberte arrojado tan lejos de mi cuerpo.

Y ahora que te encuentro, veo que aún arde
la llama que encendiste. Nunca, nunca es tarde
para nacer de nuevo, para amarte.

Debo decirte algo antes de que te bajes
de este sucio vagón y quede muerto,
mirarte a los ojos, y tal vez recordarte,
que antes de rendirnos fuimos eternos.

Me levanto decidido y me acerco a ti,
y algo en mi pecho se tensa, se rompe.
"¿Cómo estás? Cuánto tiempo, ¿te acuerdas de mí?"
Y una sonrisa tímida responde:

"Perdone, pero creo que se ha equivocado".
"Disculpe, señorita, me recuerda tanto
a una mujer que conocí hace ya algunos años".

Más viejo y más cansado vuelvo a mi asiento,
aburrido vigilo las caras de los viajeros,
compañeros en la rutina y en los bostezos.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. recuerdo ismael serrano

permalink | inviato da iluminandomiparte il 7/4/2010 alle 1:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 febbraio 2010

who wouldn't be the one you love and live for?


you and me
meant to be
immutable
impossible
it's destiny
pure lunacy
incalculable
insufferable
but for the last time
you're everything that i want and ask for
you're all that i'd  dreamed
who wouldn't be the one you love
who wouldn't stand inside your love
protected and the lover of
a pure soul
and beautiful
you
don't understand
don't feel me now
i will breathe
for the both of us
travel the world
traverse the skies
your home is here
within my heart
and for the first time
i feel as though i am reborn in my mind
recast as child and mystic sage
who wouldn't be the one you love
who wouldn't stand inside your love
for the first time
i'm telling how much i need and bleed for
your every move and waking sound in my time
i'll wrap my wrap my wire around your heart
and your mind
you're mine forever now
who wouldn't be the one you love and live for
who wouldn't stand inside your love and die for
who wouldn't be the one you love


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. inside

permalink | inviato da iluminandomiparte il 3/2/2010 alle 20:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

1 febbraio 2010

sbagliato

E c'è qualcosa dentro di noi che è sbagliato ma ci rende simili ...

tu sei il mio demone...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. demone

permalink | inviato da iluminandomiparte il 1/2/2010 alle 2:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

27 dicembre 2009

facile?



Dici che mi vuoi perciò mi avrai
Dici che mi sai e poi si sa
Che tanto facile è tanto facile
Adesso che non c’è più lei
È tanto facile adesso è facile
Sapere cosa vuoi
Capire cosa sei
Ma ti ho aspettato e scopro
Che sei già passato dentro me
So che tu mi vuoi
Prendimi se puoi
E dici che mi sai
E poi mi va
Adesso è facile è tanto facile
Adesso che non c’è più lui
È tanto facile è solo facile
Capire cosa c’è
O dirsi che non c’è
Ricominciare a vivere con me per me
E adesso è facile è tanto facile
Davvero splendidi io e te
Adesso è facile è tanto facile
Capire cosa c’è e amare quel che c’è
Ricominciare a vivere per me con te
Ricominciare a vivere per me


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. afterhours facile ricominciare

permalink | inviato da iluminandomiparte il 27/12/2009 alle 1:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

17 dicembre 2009

irrequieta e pericolosa

...con i piedi per bagaglio e il mondo per famiglia...con le radici nel cuore e i rami nell'altrove... Impossibile fermarmi, neanche io so farlo...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. viaggio altrove

permalink | inviato da iluminandomiparte il 17/12/2009 alle 4:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 giugno 2009

sento di avere una milza nel cervello...

sto entrando in fissa e non mi piace...

c'è uno spigolo che si avvicina a gran velocità contro la mia fronte..............


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. in fissa

permalink | inviato da iluminandomiparte il 16/6/2009 alle 13:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

31 marzo 2009

foglia


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. malika come foglie

permalink | inviato da iluminandomiparte il 31/3/2009 alle 1:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 marzo 2009

piccola donna cresce

La piccola donna sta crescendo.
Intorno a lei tutto si muove velocemente, tanto da darle le vertigini.
Ha preso a camminare seguendo finalmente una direzione, un obiettivo,
ma per ora non sono le sue gambe a correre...è la strada che le scivola via sotto i piedi.
La piccola donna non ama crescere, ha paura di perdere la spontaneità.
Il tempo ormai si è fatto più artificioso, più rigido, più intransigente,
mentre lei è il sorriso di fronte a un muro...
il passo in avanti contro vento...
la calma di fronte agli ostacoli...
La piccola donna è ancora poco donna, ma ormai è anche poco bambina.
A volte ha voglia di casa, a volte ha voglia di partire.
Altre volte vorrebbe l'abbraccio di sua madre e le ginocchia di suo padre,
mentre subito dopo vorrebbe poter ignorare il suo nido.
La piccola donna è contraddizione...è luna e sole contemporaneamente,
è tempesta e cielo sereno nello stesso istante.
Eppure è pronta, sente che è presente a se stessa e agli altri.
Sente che il suo essere è concreto, determinante, reale.
Si sente ribellione, azione, entusiasmo.
Si sente di bastare a se stessa, nonostante sia piccola...
nonostante quel piccolo rinconcito en el corazon che non riesce a colmare,
che non riesce a donare, che la fa sentire colpevole,
che la induce a rimproverarsi sovvrapponendo la donna alla bambina.
Lei è peculiare, è differente...lo sa, se ne rende conto da sola,
ne va orgogliosa, ma ne paga le conseguenze.
Forse dovrebbe smettere di essere solo una piccola donna,
forse sta tutto lì...
Così prenderebbe a correre con le sue gambe,
si sentirebbe adeguata,
perderebbe la sua peculiarità sì,
ma forse qualcuno la accoglierebbe dentro sè.

"I am an acrobat swinging trapezes through circles of flame
If you've never stared off in the distance, then your life is a shame
and though I'll never forget your face,
sometimes i can't remember my name"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. piccole donne

permalink | inviato da iluminandomiparte il 28/3/2009 alle 1:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre